:
:: Home::
:: COMUNE
:: Consiglio
:: CITTA'
:: Toponomastica
:: Paesaggio
:: Il Centro antico
:: Notizie Storiche
:: Archivi e Biblioteche
:: La Porta
:: I Palazzi
:: CHIESE
:: Parrocchia S.S.Salvatore
:: S. Agata
:: S. Eufemia
:: S. Antonio ai Colli
:: S. Antonio Abate
:: S. Rocco
:: Madonna del Ponte
:: TRADIZIONI
:: Le FARCHIE e S.Antonio
:: Il Mercato
:: La Banda Musicale
:: La "Faresina"
:: Personaggi Illustri
:: Il Libro sulle FARCHIE
:: SERVIZI ON-LINE
:: Avvisi Comunali
:: Modulistica
:: Numeri e Link utili
:: Come Arrivare a Fara
:: Invia una "Cartolina"
:: Comunicalo al Sindaco

::
::
:: :: UFFICIO TECNICO

:: PRG
:: Modulistica
:: Rec

 
::



:: CHIESE :: S. Antonio Abate

::
La chiesa è esistente sin dal 1365. Ha una pianta a navata unica. Nella metà del sec. XIX vi fu costruito in adiacenza il Camposanto comunale.
Da una scritta posta all'interno risulta che fu restaurata nel 1904.
Vi si conservano le statue di S. Antonio Abate e di S. Agata V.M.



S. ANTONIO ABATE (IL SANTO)

Nacque a Koma (Medio Egitto) nel 251 d. C. da ricca famiglia.
Fu discepolo di S.Paolo Anacoreta. Alla morte dei genitori distribuì le sue sostanze ai poveri e visse per più di ottantanni nel deserto egizíano, con numerosi discepoli, costituendo uno dei più importanti nuclei del monachesimo orientale. Mori nel 356. Fu il maggiore rappresentante dell'ascetismo cristiano primitivo. La sua festa si celebra il 17 gennaio. Il suo culto popolare si sviluppò soprattutto nel Medioevo, quando le terribili epidemie di una malattia cancrenosa, "Fuoco Sacro" (probabilmente quella che oggi è nota come ergotismo canceroso dovuta all'ingestione di pane o cibi preparati con farina o altri cibi preparati con farina di segale cormuta, che produce dapprima un senso di insopportabile bruciore interno e poi compaiono delle chiazze nere evolventesi in cancrena e infine delle gravi mutilazioni a seguito del distacco di arti) afflissero gran parte dell'Europa. Nel Medioevo i malati erano assistiti dagli Antoniani.





:
:: foto
:: foto